politica

0

No al bavaglio per la Rete

Grave pericolo per la rete. Beppe scrive ieri:

Update: Firma la petizione per liberare internet dal bavaglio del governo.

Ricardo_Franco_Levi.jpg

Ricardo Franco Levi, braccio destro di Prodi, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, ha scritto un testo per tappare la bocca a Internet. Il disegno di legge è stato approvato in Consiglio dei ministri il 12 ottobre. Nessun ministro si è dissociato. Sul bavaglio all’informazione sotto sotto questi sono tutti d’accordo.

La legge Levi-Prodi prevede che chiunque abbia un blog o un sito debba registrarlo al ROC, un registro dell’Autorità delle Comunicazioni, produrre dei certificati, pagare un bollo, anche se fa informazione senza fini di lucro.
I blog nascono ogni secondo, chiunque può aprirne uno senza problemi e scrivere i suoi pensieri, pubblicare foto e video.
L’iter proposto da Levi limita, di fatto, l’accesso alla Rete.

0

Bamboccioni di tutta Italia unitevi

Tipicamente non riporto notizie esterne per intero, ma questa dovete leggerla tutta. Come fa un giovane a comprarsi una casa in Italia? Rispettando tutte le procedure e le leggi, stipendio medio da operaio? Ovviamente si indebita per una decina di lustri che domande! Caro ministro Padoa Schioppa, stai ascoltando?

Syndicate content